in

Spingi cuticole: cos’è e come usarlo correttamente

Quando si parla del settore beauty, si sente spesso nominare questo accessorio. Ma a che cosa serve esattamente e come si può usare per ottenere un risultato perfetto?

Spingi cuticole
Foto: @alinabuzunova via Twenty20

Prima di tutto si tratta di un semplice bastoncino dalla forma leggermente ricurva. Per capire a cosa serve, basterà fare attenzione al suo nome: serve per spingere le cuticole, cioè per sistemarle in una posizione più arretrata, in modo che riesca ad emergere la parte nuova dell’unghia.

Esattamente però, cosa sono le cuticole? Sono quelle che nel linguaggio comune sono denominate “pellicine” e crescono intorno all’unghia con la funzione di proteggerla.

Lo spingi cuticole può essere di vari tipi. Le differenti tipologie dipendono dal materiale diverso da cui sono formati, oppure dalla loro forma o dal tipo di punta che si trova alle loro estremità.

Ad esempio, il tipo più diffuso in commercio è quello che ha ad una delle due estremità una punta più smussata e dall’altra una punta più aguzza. Gli spingi cuticole possono essere di acciaio oppure in legno.

Una buona idea potrebbe essere acquistare direttamente un set in acciaio Inox.

[amazon box=”B079JTSQJT” template=”horizontal”]

Come usarlo

Il modo per utilizzare uno spingi cuticole è davvero molto semplice, tanto che non serve affatto recarsi da un’estetista solo per poterlo utilizzare, ma basta recarsi presso un qualsiasi negozio (persino un supermercato) per poterne acquistare uno ed utilizzarlo senza l’aiuto di professionisti.

Prima di usare lo spingi cuticole, l’ideale sarebbe ammorbidire le mani e le unghie utilizzando una crema ammorbidente, in quanto tale crema servirebbe per rendere più malleabili le cuticole più rigide.

In tal modo, lo spingi cuticole non provocherà dolore oppure eventuali ferite, e si potranno combattere anche le pellicine più dure.

Se non si possiede una crema adatta o un olio, è consigliato anche immergere per almeno tre minuti le mani in acqua a temperatura calda o tiepida. Dopo averle asciugate, si potrà passare lo spingi cuticole dalla parte dell’estremità tonda per poter rendere le pellicine più ristrette e più contenute. La parte con la punta aguzza invece, servirà per reciderle.

[amazon bestseller=”spingi cuticole” items=”5″ template=”list”]

Consigli

Si consiglia sempre di non utilizzare lo spingi cuticole in modo troppo violento, cioè non c’è bisogno di spingere fino a provocare dolore, ma basta poco per eliminare le pellicine. Se si prova dolore perché una di queste ultime risulta essere infetta oppure arrossata, inutile continuare con lo spingi cuticole: si dovrà prima disinfettare la parte, attendere qualche giorno, e poi lo si potrà passare.

L’ideale sarebbe adoperare lo spingi cuticole almeno due volte alla settimana, e appoggiare sempre la mano su una superficie liscia ed anche comoda, al fine di poterlo utilizzare al meglio. L’accessorio in questione migliorerà senza dubbio l’aspetto delle unghie, rendendole curate e presentabili. Saper usare lo spingi cuticole significa quindi avere una serie di vantaggi.

Tra questi, il fatto di avere delle unghie perfette e soprattutto anche in piena salute, dato che va ad eliminare proprio quelle pellicine che potrebbero infettarsi e causare piccole ferite.

Insomma, uno strumento semplicissimo, da poter portare persino nella propria borsetta, per poterlo utilizzare quando ce n’è bisogno.

Voci correlate/Link

Video correlati

BB cream o CC cream

BB cream o CC cream: qual è la scelta migliore

Capelli secchi e sfibrati

Capelli secchi e sfibrati: Rimedi naturali per curarli e averli perfetti